1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Gundolf Keil

Gundolf Keil

Professore emerito di Storia della medicina e direttore del Gerhard-M÷bus-Institut nell'UniversitÓ di WŘrzburg

- s.s. 10 ottobre 1999, s.s.s. 1 settembre 2014

Nato il 17.7.1934 a Wartha (provincia Frankenberg/Bassa Slesia) in una famiglia di commercianti, scuole a Wartha, Rostock, Zurich, Ettlingen e Heidenheim/Brenz, studio della filologia classica, germanistica, etnologia e "Volkskunde" dell'Europa centrale all'Università di Heidelberg 1954-62; dottorato in storia della medicina 1960; i due esami di stato per il liceo 1961-62; assistente e rispettivamnete assistente superiore agli istituti di storia della medicina di Gottinga (1962-64) e Bonn (1964-70); studio della medicina a Gottinga e Bonn 1962-67; esame di stato per la medicina e iscrizione all'albo professionale 1968: dottorato per la medicina 1969; nomina alla seconda cattedra di germanistica all'Università di Stockholm 1969; assistente superiore all'istituto di storia della medicina a Bonn 1970; abilitazione alla libera docenza per la storia della medicina a Friburgo 1970/71; direttore ad interim dell'istituto di storia della medicina all'Università di Märburg 1971-73; offerta di cattedra a Märburg e Würzburg 1972; presidente dell'istituto di storia della medicina dell'Università 1972-2002; offerta per l'ordinariato di storia della medicina a Bonn 1985; fondazione dell'istituto Collaterale per la ricerca sulla slesia all'Università di Würzburg 1986; presidente ad interim dell'istituto di storia della medicina a Würzburg 2002-2004; dal 2005 presidente dell'istituto Gerhard Mobius per la ricerca della Slesia all'Università di Würzburg. Dal 1954 numerosi premi e riconoscimenti scientifici, tra cui il dottorato honoris causa della facoltà di scienze naturali ed umanistiche dell'Università di Slesia a Opava. Quattro scritti commemorativi; oltre 1500 pubblicazioni.
 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter