1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Chryssa Maltezou

Chryssa Maltezou

Prof. emerito di Storia della Venetocraziaiin Grecia dell'Università di Atene.Già Direttore dell'Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Post-Bizantini, Venezia. Membro dell'Accademia di Atene

- s.s. 30 giugno 2004

Nata nel 1944 in Alessandria d’Egitto.
Studi universitari all’Università di Atene e post universitari in Francia e Italia (Aix-en-Provence, Venezia, Padova).
Ricercatrice del Centro delle Ricerche Bizantine della Fondazione Nazionale della Ricerca (Atene) ed in seguito Direttrice dello stesso centro (1980 -1994).
Professoressa ordinaria di Storia Medievale all’Università di Creta (1982-1994) e dal 1995 all’Università di Atene.
Nel 1998 è stata eletta dall’Accademia di Atene Direttrice dell’Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia.
Membro di molte associazioni scientifiche e culturali greche e straniere, ha partecipato a numerosi convegni e incontri internazionali e ha tenuto conferenze e seminari in molte università e centri di ricerca. É stata premiata dall’Accademia di Atene per il suo contributo alla conservazione e la valorizzazione dell’ archivio di Cerigo. Nel 2003 è stata insignita con la Croce d’Oro del Grande Ordine d’Onore dal Presidente della Repubblica Ellenica per la sua attività scientifica.
Nel suo campo di ricerca entrano i problemi dell’installazione dei Latini nelle regioni greche dopo la quarta crociata ed in particolare le relazioni tra i Veneziani e la popolazione greca.
Ha pubblicato più di 100 studi sulla storia dei Greci durante il periodo della venetocrazia, fra i quali si citano: L' istituzione del bailo veneziano a Costantinopoli (1268-1453), Atene 1970, Creta nel periodo della venetocrazia (1211-1669), Creta 1988, Presenza veneziana in Cerigo, Atene 1991, Aspetti della storia dell’ellenismo durante la venetocrazia (a cura di), Atene 1993, Venezia dei Greci, Atene 1999.


 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter