1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Anna Ottani Cavina

Anna Ottani Cavina

Professore emerito di Storia dell'arte moderna dell'UniversitÓ di Bologna

- s.c.n.r. 27 settembre 2006, s.e. 19 maggio 2010

Anna Ottani Cavina insegna Storia dell'Arte Moderna e Storia dell'Arte europea del Settecento all'Università di Bologna e Renaissance Art and Culture alla Johns Hopkins University Bologna Center. Visiting professor presso la Yale University (1984, 1994), Brown University (1989), Columbia University a New York (1999), e Visiting fellow allo Yale Center for British Art, New Haven (1984, 1994), al Center for Advanced Studies in the Visual Arts, National Gallery Washington (1987, 1992), al J. Paul Getty Museum (1993), al Metropolitan Museum of Art di New York (1997, 2004). Coordina il dottorato di ricerca in Storia dell'Arte.
Tre le aree di interesse dei suoi studi, sfociati in numerose pubblicazioni: Caravaggio e i pittori caravaggeschi, arte e cultura in Emilia fra Cinquecento e Ottocento, la pittura neoclassica. Le ricerche più recenti si sono concentrate sulla pittura di paesaggio di età neoclassica e romantica.
Dal 2001 Anna Ottani Cavina dirige la Fondazione Federico Zeri, centro di ricerca per la storia dell'arte promosso dall'Università di Bologna.
Fra le opere monografiche si segnalano: Carlo Saraceni, Milano 1968; I paesaggi della ragione, Torino 1994; Felice Giani (1758-1823) e la cultura di fine secolo, 2 voll., Milano 1999; Il diario di Thomas Jones. Viaggio d'artista nell'Italia del Settecento, Milano 2003; Geometries of Silence. Three approaches to Neoclassical Art, New York Columbia University Press 2004; Les Paysages de la Raison. La ville néo-classique de David à Humbert de Superville, Parigi 2005.
Negli ultimi anni ha progettato e curato la pubblicazione dei volumi su La pittura di paesaggio in Italia. Il Seicento, Il Settecento, L'Ottocento, Milano 2003-2006, e realizzato le mostre Paysages d'Italie. Les peintres du plein air (Parigi, Mantova 2001); Montagna. Arte, scienza, mito, da Dürer a Warhol (Rovereto 2003); Granet. Roma e Parigi, la natura romantica (Roma 2009); Federico Zeri, dietro l'immagine. Opere d'arte e fotografia (Bologna 2009-2010).
Dal 1988 collabora regolarmente alle pagine culturali del quotidiano "la Repubblica".
Nel 2001 è stata insignita della Legion d'onore.


 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter