1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Ferruccio Tommaseo

Ferruccio Tommaseo

Prof. giè ord. di Diritto processuale civile nell'Universitè di Verona

- s.c.r. 27 maggio 2008

Dalmata, d'antica famiglia veneta, Ferruccio Tommaseo nasce nell'isola di Brazza il 20 marzo 1941 e dal 1943 risiede a Trieste. Nell'Ateneo di questa città si laurea in giurisprudenza nel 1965 e, poco dopo, viene nominato assistente di ruolo alla cattedra di diritto processuale civile di cui era titolare Giovanni Pavanini. Dal 1971 è incaricato dell'insegnamento del diritto processuale civile nella Facoltà di Economia dell'Ateneo giuliano e dal 1977 nelle Facoltà di Giurisprudenza di Sassari e di Trieste.
Dal 1980, quale vincitore di concorso a professore straordinario, ricopre la cattedra di diritto processuale civile nella Facoltà di Giurisprudenza di Trieste, Facoltà della quale è stato Preside dal 1994 al 1999. Dal 2002 è professore ordinario nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Verona.
Autore di quasi trecento pubblicazioni, tra le quali vanno segnalati alcuni manuali istituzionali, le monografie sui provvedimenti d'urgenza e sull'estromissione dal giudizio, nonché numerosi saggi destinati a studi celebrativi, dedica particolare attenzione ai profili processuali del diritto di famiglia sia con ampi contributi ad opere collettive e, in particolare, al Commentario al diritto italiano della famiglia curato da Cian, Oppo e Trabucchi, sia con i propri commentari sullo scioglimento del matrimonio e sull'amministrazione di sostegno di cui è coautore Giovanni Bonilini. E' anche autore, con Giovanni Gabrielli, di un commentario della legge tavolare.
Relatore in numerosi convegni e incontri di studio, collabora alle principali riviste giuridiche italiane ed è, in particolare, membro del comitato scientifico di Famiglia e diritto periodico diretto da Piero Schlesinger.

 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter