1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Lucio Milano

Lucio Milano

Professore ordinario di Storia del Vicino Oriente antico nell'UniversitÓ Ca’ Foscari di Venezia

- s.c.r. 16 luglio 2011

>Lucio Milano è nato a Roma il 30 marzo 1951. La sua formazione orientalistica si è svolta presso l’Università di Roma La Sapienza dove si è laureato in Lettere nel 1975 sotto la guida di Mario Liverani. E’ stato per alcuni anni borsista del Consiglio Nazionale delle Ricerche e successivamente ricercatore universitario confermato alla Sapienza (Dipartimento di Scienze Storiche, Archeologiche, Antropologiche dell’Antichità). Vincitore di un concorso per professore associato nel 1991, è stato chiamato dall’Universit? Ca’ Foscari di Venezia, dove da allora è titolare dell’insegnamento di Storia del Vicino Oriente antico. Dal 2001 è professore ordinario di questa materia. Per molti anni ha ricoperto incarichi di insegnamento di altre discipline orientalistiche presso la stessa università (Assiriologia; Filologia semitica; Archeologia e Storia dell’Arte del Vicino Oriente).
Ha avuto incarichi di insegnamento all’estero (UCLA, Cornell University, Ecole Pratique des Hautes Etudes). E’ membro del Collegio dei docenti del Dottorato interateneo in Scienze dell’Antichità (Venezia, Udne, Trieste) e della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici, pure condivisa tra i tre atenei. Tra i più recenti incarichi accademici vi sono quelli di Membro del Gruppo di Lavoro sulla Valutazione della Qualità della Ricerca (2013-2014), di Vice-direttore del Dipartimento di Studi Umanistici (dal 2014 al 2017) e di Responsabile dei Laboratori di Archeologia ed Epigrafia del Dipartimento di Scienze dell’Antichità.
Svolge da tempo attività di direzione e coordinamento di progetti di ricerca finanziati dal MIUR, dal ?MAE e dall’Ateneo (progetti PRIN: coordinatore locale 2001-2003; coordinatore nazionale 2003-2005, 2006-2008, 2009-2011, 2015-2017), e di consulenza scientifica come valutatore e supervisore di progetti nazionali (PRIN, FIRB) e internazionali (Marie-Curie, ERC, CNRS ecc.).
La sua attività di ricerca si è soprattutto concentrata sulla storia economica e sociale della Siria e della Mesopotamia tra il III e il II millennio a.C. In questo quadro ha pubblicato diverse monografie e numerosi articoli con edizioni critiche di testi cuneiformi provenienti dagli Archivi Reali di Ebla / Tell Mardikh (Archivi Reali di Ebla – Testi IV e IX) e da altri siti siriani (Tell Mozan, Tell Leilan, Tell Beydar). E’ Editor in chief? del sito web Ebla Digital Archives (EbDA). Un suo libro recente (in collaborazione con Aage Westenholz) riguarda la storia dell'impero di Akkad nella sua fase finale (The ?u-ilisu Archive and Other Sargonic Texts in Akkadian, CDL Press 2015). Ha inoltre curato un manuale di Storia del Vicino Oriente antico (Il Vicino Oriente antico dalle origini ad Alessandro Magno, Milano 2011).Dal 1997 è direttore della Missione archeologica dell’Università Ca’ Foscari a Tell Beydar. Nell’ambito del Progetto Beydar ha diretto un programma di studi paleo-ambientali i cui risultati sono confluiti in un volume miscellaneo (L. Milano - M. Lebeau (eds.), Tell Beydar: Environmental and Technical Studies II, Brepols 2014). Attivo in Iraq dal 2013, ha diretto una ricognizione archeologica nel Kurdistan settentrionale (2013) ed è attualmente direttore di una Missione congiunta con lo State Board of Antiquities and Heritage della Repubblica dell’Iraq per la prospezione archeologica della provincia di Wasit (al Kut).
Tra i temi di ricerca da lui maggiormente sviluppati vi è quello della storia dell’alimentazione nell’area del Vicino Oriente antico. Ha scritto sull’argomento saggi ed articoli, organizzato e curato atti di Convegni internazionali (tra i più recenti: L. Milano (ed.), Mangiare divinamente: pratiche e simbologie alimentari nell’antico Oriente, Firenze 2012; L. Milano (ed.), Paleonutrition and Food Practices in the Ancient Near East: Towards a Multidisciplinary Approach, in cooperation with Francesca Bertoldi, Padova 2014). Di recente è stato invitato a partecipare per un semestre come? Visiting Fellow del Center for Advanced Studies, Ludwid-Maximilians-Universit?t M?nchen per una ricerca in corso sul regime delle feste nella Mesopotamia del III millennio a.C.
Dal 2015 ha avviato una specifica collaborazione con l’Iraq Museum (Baghdad) per un programma di ricerca dal titolo “La Dama di Warka e la percezione visiva della statuaria antica” a cui partecipano l’Università di Losanna e la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, con attività espositive previste a Baghdad e Venezia per il 2017-2018.
Da segnalare in ultimo l’impegno nell’organizzazione di attività di Alta Formazione interuniversitaria (“Summer Institute in the Humanities” presso la Venice International University, diretto dal 2004 ad oggi assieme ad Ettore Cingano, con consistenti finanziamenti del MIUR) e nella direzione e co-direzione di riviste e serie di pubblicazioni che riguardano il Vicino Oriente antico (tra cui la serie Subartu pubblicata da Brepols, la rivista internazionale Kaskal – A Journal of History, Environments, and Cultures of the Ancient Near East, la serie Antichistica, pubblicata da Edizioni Ca' Foscari, la serie Laboratorio di Vicino Oriente antico, pubblicata da LoGisma). E’ membro del comitato scientifico della rivista di studi ebraici Rassegna mensile di Israel ed ? stato per molti anni nella redazione di Dialoghi di Archeologia, fino alla chiusura della rivista.


 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter