1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Gian Antonio Stella

Gian Antonio Stella

Editorialista del Corriere della Sera

- s.c.r. eletto il 19 maggio 2017

Gian Antonio Stella ? nato ad Asolo, in provincia di Treviso, dove il padre professore di filosofia e la madre maestra insegnavano, ma la sua famiglia ? originaria di Asiago e lui stesso si considera un cimbro asiaghese nato casualmente altrove. Cresciuto a Vicenza, ha frequentato il Liceo classico Antonio Pigafetta. Entrato al Corriere d’informazione nell’estate 1975, lavora dall’estate 1979 al Corriere della Sera. Prima come redattore alla cronaca romana, poi come inviato nel Nord Est, quindi come inviato e editorialista di politica, cronaca, cultura e costume.
Ha vinto un po’ tutti i premi giornalistici, tra cui l’? giornalismo (assegnato allora da Indro Montanelli, Enzo Biagi e Giorgio Bocca), il Barzini, il Premiolino, l’Ischia, ilSaint Vincent, il Fregene, il Montanelli, l’Otto d'Asburgo (conferito dai giornalisti delle minoranze nazionali europee) e insieme con Sergio Rizzo il premio internazionale “Columnistas del mundo” vinto in passato da Bernard-Henri L?vy, Arundhati Roy, Seymour Hersh, Fernando Savater, Christiane Amanpour.
Tra i suoi libri “ScheiDal boom alla rivolta : il mitico Nordest”, “L’Orda, quando gli albanesi eravamo noi” sulla xenofobia sofferta dagli emigrati italiani, “Lo spreco / Come buttare via due milioni di miliardi”, “Negri, froci, giudei  & co. / L’eterna guerra contro l'altro", “Bolli, sempre bolli, fortissimamente bolli. La guerra infinita alla burocrazia”. E poi “La castaCos? i politici italiani sono diventati intoccabili” (scritto con Sergio Rizzo), che con oltre un milione e trecentomila copie vendute ? stato tra i saggi pi? venduti di sempre. Ancora con Rizzo “La Deriva. Perch? l’Italia rischia il naufragio” (sulla decadenza di un paese che da troppo tempo non crede pi? in se stesso), “Vandali / L’assalto alle bellezze d’Italia”(sul degrado del patrimonio artistico e paesaggistico), “Licenziare i Padreterni” (sulle promesse tradite della classe politica) e “Se muore il Sud” sulla crisi del Mezzogiorno. Per la narrativa, “Il maestro magro”, “La bambina, il pugile, il canguro” e “Carmine pasci?, che nacque buttero e mor? beduino”.
Con Gualtiero Bertelli e la Compagnia delle acque negli ultimi anni ha portato in scena una dozzina di spettacoli teatrali in Italia e all’estero.


 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter