Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa
Terisio Pignatti

Terisio Pignatti

Professore emerito di Storia dell'arte moderna dell'Universitā di Venezia
(deceduto il 31 dicembre 2004 )
- s.c. 15 settembre 1970, s.e. 24 ottobre 1984.

Commemorazione tenuta da Francesco Valcanover [ Pdf - 117Kb].

E' nato a Quistello (Mantova) il 19.9.1920, ma ha sempre vissuto a Venezia. Laureato in legge a Pavia (1943) e in Lettere (1947), a Padova, entra nel 1945 nei Musei Civici Veneziani, dove compie tutta la carriera uscendo nel 1974 come Direttore. Nel 1968 inizia l'insegnamento universitario dapprima a Padova e quindi a Venezia, dove crea una scuola filologica con numerosi allievi. Dal 1971 insegna anche nella sezione veneziana di Wake Forest University (North Carolina), da cui riceve il dottorato in Fine Arts nel 1976. E' stato anche Visiting professor a Berkeley (1966) e a Harvard (1981). Membro effettivo dell'Ateneo Veneto e dell'Istituto Veneto di Sceinze, Lettere ed Arti, č anche socio onorario dell'American Academy of Arts and Sciences (Cambridge Mass) dal 1989.
Continuo č stato l'impegno del prof. Pignatti per la salvaguardia di Venezia dopo il 1966, in cui ha offerto la sua consulenza a vari comitati stranieri per il restauro dei beni artistici. I frequenti soggiorni all'estero hanno allargato la sua notorietā come conoscitore dell'arte veneta. E' stato infatti chiamato a organizzaremostre di Disegni Veneziani negli Stati Uniti (1963, 1974), in Inghilterra (1965) e in Olanda (1964); ha diretto la mostra "The Golden Age of Venetian Painting" a Los Angeles (1979) e ha collaborato al "Genius of Venice" a Londra (1985) e a "Paolo Veronese" a Washington (1988).
Oltre ai numerosi articoli sulle riviste specializzate, le sue monografie riguardano tutto l'arco dell'arte veneta: Tiepolo (1951), Lotto (1953), Carpaccio (1958), Canaletto (1958 e 1979), Longhi (1968), Giorgione (1969 e 1998), Bellini (1989), Veronese (1976 e 1990), Mantegna (1978), Tiziano (1974 e 1979). E' considerato uno dei maggiori specialisti di grafica veneta per i suoi volumi sulle acqueforti di Tiepolo (1965), e sui disegni dei Guardi (1967), Canaletto (1969), Carpaccio (1972), Tiepolo (1974) e Tiziano (1979). Ha in corso la pubblicazione del catalogo generale dei disegni antichi del Museo Correr, di cui sono usciti i primi cinque volumi (1980-1988). Recentemente ha pubblicato il manuale in tre volumi "L'Arte nel mondo" in collaborazione con M. Gemin e F. Pedrocco (Atlas Editrice, Bergamo 1986), e il volume "Mille anni d'arte a Venezia": un'ampia sintesi di tutta la storia artistica della cittā (Arsenale Editrice, Venezia 1989).


 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito