Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa
Carlo Gregolin

Carlo Gregolin

Professore emerito di Chimica biologica dell'UniversitÓ di Padova
(deceduto il 22 febbraio 2017)
- s.c.r. 6 luglio 1978, s.e. 10 ottobre 1999

Nato a Morgano (TV) il 14 novembre 1930. Coniugato, ha due figli. Studi secondari: nel 1948, diploma di maturità classica. Studi universitari: nel 1954, laurea in Medicina e Chirurgia, Università di Padova. Nel 1963, Libera Docenza in Chimica Biologica. Dal 1955 ha lavorato nella disciplina chimica biologica alla scuola del Prof. Alessandro Rossi Fanelli a Roma e dal 1959 del Prof. Noris Siliprandi a Padova; del Prof. Thomas P. Singer a Detroit, Mich., USA (1960-62); del Prof. Severo Ochoa, a New York, N.Y., USA (1965-67). Il suo ambito d’interessi è l’enzimologia. Per primo ha isolato l'enzima D(-)Lattico Deidrogenasi mitocondriale del lievito aerobico (1962), contribuendo a chiarire la complessa problematica dell’induzione enzimatica nell’adattamento dei microrganismi alla presenza dell’ossigeno. Ha isolato e caratterizzato per la prima volta l'Acetil CoA Carbossilasi (1966), enzima chiave nella sintesi degli acidi grassi, mostrando con tecniche elettromicroscopiche la transizione dovuta a citrato tra la forma enzimatica monomerica inattiva e la forma polimerica attiva. Ha scoperto il selenoenzima Idroperossido Glutatione Perossidasi (1980), importante nella protezione delle membrane cellulari dai danni da ossigeno, e oggi argomento d’interesse dei suoi allievi e di molti centri di ricerca a livello internazionale per l’ azione preventiva dai danni dell’invecchiamento e per il suo ruolo positivo nella fertilità. L’attività scientifica è riassunta in un centinaio di pubblicazioni, molte delle quali sulle più prestigiose riviste internazionali e nazionali. C.G. è membro della Società Italiana di Biochimica, di cui è stato Consigliere Nazionale.
E’ stato Assistente Universitario di ruolo nell’Università di Padova dal 1962 al 1973. Negli anni 1968-70 è stato inviato dall’Università di Padova a Nairobi (Kenya), a fondarvi e a dirigervi l’Istituto di Chimica Biologica nell’ambito di un’iniziativa internazionale per la istituzione della prima Facoltà di Medicina dello Stato del Kenya, diventato allora da poco indipendente. Dal 1973 è stato Professore Ordinario di Chimica Biologica nella Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Padova. Da tale data C.G. è stato componente per anni della Commissione Consultiva per i Requisiti Tecnici dei Farmaci del Ministero della Sanità; membro del Consiglio di Amministrazione dell’Opera Universitaria di Padova (oggi ESU); Commissario Straordinario dell’ESU, di nomina della Regione Veneto nella transizione Opera Universitaria – ESU; Membro del Consiglio di Amministrazione dell’Università di Padova; Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Padova (1984-1992); Direttore di nomina ministeriale dell’Istituto Italiano di Cultura di Stoccolma, Svezia, nel biennio 1992-94; Direttore del Centro Musei dell’Università di Padova nel 1995 e 1996. In quest’ultima veste ha curato la pubblicazione del libro: ”I musei, le collezioni scientifiche e le sezioni antiche delle biblioteche” dell’Università di Padova (1996). Dal 1988 è Commendatore della Repubblica Italiana.
Ha insegnato nel Corso Integrato di Chimica e Propedeutica Biochimica del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Ha redatto un testo di Propedeutica Biochimica per gli studenti di Medicina e Chirurgia.

 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito