1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

PREMIO GLASS IN VENICE 2015

RIEDEL AWARD - Seconda edizione

Logo Glass in Venice, Istituto Veneto, Fondazione Musei civici
Glass in Venice 2015

Martedì 15 settembre 2015, ore 17,30, Palazzo Franchetti

Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed arti
Cerimonia di conferimento dei premi

PREMIO GLASS IN VENICE - Quarta edizione
a Davide Fuin e Maria Grazia Rosin

RIEDEL AWARD - Seconda edizione a Shay Salehi

Nell'ambito del progetto GLASS IN VENICE, promosso dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia per valorizzare l'arte vetraria a livello internazionale, è giunto alla quarta edizione il Premio Glass in Venice.
Giunto alla seconda edizione, il Riedel Award, promosso dall'Istituto Veneto e dall'azienda austriaca Riedel Crystal si rivolge a giovani artisti e designer under 30 a livello internazionale. Il premio è nato grazie all'accordo tra l'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti e Riedel Crystal un'azienda austriaca di centenaria tradizione familiare nella produzione di calici e decanter in cristallo soffiato.

Interverranno
Gherardo Ortalli, presidente dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Gabriella Belli, direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia
Georg J. Riedel, 10ª generazione Riedel Crystal
Rosa Barovier, storica del vetro
e gli artisti premiati

Premio Glass in Venice
La commissione giudicatrice del premio Glass in Venice ha proclamato i vincitori dell'edizione 2015 tra coloro che meglio esprimono l'arte del vetro: Davide Fuin, per il sapiente uso delle tecniche muranesi, e Maria Grazia Rosin, per le sue originali opere artistiche. 

Per il particolare legame con la tradizione e le tecniche di lavorazione tipiche di Murano, il premio è stato assegnato a Davide Fuin in quanto eccellente maestro vetraio che si è distinto per l'abilità nell'eseguire soffiati secondo la tradizione muranese, valorizzando soprattutto le tecniche della filigrana a reticello e a retortoli, dell'incalmo e dell'avventurina.

All'artista Maria Grazia Rosin, riconosciuta a livello internazionale, il premio è stato assegnato per le opere caratterizzate da un'impronta estremamente originale: installazioni ludiche in combinazioni di suoni e luci di assoluta contemporaneità, realizzate con l'uso delle tecniche della tradizione muranese in collaborazione con i migliori maestri vetrai.

La commissione ha deciso inoltre di assegnare un premio speciale alla carriera che verrà annunciato e consegnato nel corso di una cerimonia il prossimo ottobre.

Il Premio, giunto alla sua quarta edizione, rientra nel Progetto Glass in Venice, promosso dall'Istituto Veneto di Scienze Lettere e Arti e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia. I precedenti vincitori sono: Pino Signoretto e Bertil Vallien (2012); Andrea Zilio e Toots  Zynsky (2013); Giuliano Ballarin e Joan Crous (2014).
La Commissione è composta da Rosa Barovier, storica del vetro; Gabriella Belli, direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia; Sandro Franchini, cancelliere emerito dell'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti; Sandro Pezzoli, collezionista; Chiara Squarcina, responsabile del Museo del Vetro di Murano.

Riedel Award
 
Il Riedel Award è promosso dall'Istituto Veneto e dall'azienda austriaca Riedel Crystal e si rivolge a giovani artisti e designer under 30. Giunto alla seconda edizione, è stato assegnato all'artista canadese Shay Salehi . Le opere in pâte de verre di Shay Salehi rappresentano un'originale reinterpretazione del vetro. Ciò che contraddistingue i suoi lavori è il fatto di non evidenziare le classiche caratteristiche di questo materiale, come la trasparenza e le sue proprietà ottiche, ma di riproporle in modo insolito e non convenzionale. A prima vista, infatti, si potrebbe pensare che le sue ciotole siano fatte di altri materiali e non di vetro. L'uso di tale tecnica, il concetto stesso dei suoi lavori dagli effetti così apparentemente incontrollati e irregolari, il modo in cui Shay plasma il vetro in forme pure e semplici, sono tutti elementi decisamente degni di nota. 

La Commissione è composta da Georg J. Riedel presidente della Riedel Crystal; Rosa Barovier, storica del vetro; Gabriella Belli, direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia; Sandro Franchini, cancelliere emerito dell'Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti; Chiara Squarcina, responsabile del Museo del Vetro di Murano.


Al premio si è associata la Fondazione Musei Civici di Venezia. Il Premio intende essere un riconoscimento di prestigio ad artisti o a maestri del vetro che si siano particolarmente distinti con la loro opera lavorando nel grande solco della tradizione Muranese, oppure, nel mondo, attraverso scuole e tecniche diverse.Con questa iniziativa si intende segnalare come Venezia, grazie a Murano, sia non solo il famoso e nobile centro di una raffinata arte e di una prodigiosa tecnica vetraria, che si perpetua con l'opera di valenti maestri e di artisti, ma sia anche la città alla quale moltissimi grandi maestri di rilievo internazionale guardano con ammirazione e rispetto, anche se le loro opere sono state eseguite con tecniche diverse da quella muranese. Le vicende personali di numerosi artisti di fama internazionale e importanti recenti mostre d'arte contemporanea tenutesi nelle maggiori capitali hanno dimostrato come il mondo dell'arte del vetro, così variegato e diverso nelle molteplici forme e tecniche, consideri Venezia e Murano un riferimento irrinunciabile, vedendo in esse una realtà di grande prestigio con la quale confrontarsi e misurarsi, fino alla sperimentazione delle tecniche più specifiche e proprie della tradizione muranese.Il Premio, a cadenza annuale, è parte integrante di Glass in Venice, il progetto frutto della collaborazione fra l'Istituto Veneto e la Fondazione Musei Civici di Venezia.

In collaborazione con
Fondazione Musei Civici di Venezia

 
 

ESPOSIZIONE
Opere degli artisti premiati rimarranno esposte nell'atrio di Palazzo Loredan, sede dell'Istituto Veneto, dal 15 settembre al 13 ottobre.

Orari: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00. Ingresso libero

 
Davide Fuin
Davide Fuin

Premio Glass in Venice a Davide Fuin

È cresciuto respirando vetro a Murano, frequentando fin da piccolo la fornace dove lavorava come servente il padre, la Barovier & Toso. Sebbene fosse troppo giovane per lavorare rimase affascinato dalla maestria e l'eleganza dei movimenti di questo mestiere .A 15 anni decise di lasciare la scuola e come normale per i ragazzi muranesi di quel periodo fu mandato in fabbrica. Quello che solitamente viene considerato una punizione si rivelò una passione. Nel '78 cominciò a lavorare presso Venini e due anni dopo un gruppo di maestri incluso suo padre lasciarono la Barovier & Toso per aprire la Toso vetri d'arte. Il padre lo portò in piazza come garzone del maestro Carlo Tosi "caramea". Alla fine degli anni 80 , considerato un giovane maestro emergente, fu chiamato dall'Etile Murano portando il padre come assistente. Nel ,99 fonda la D.F.Glassworks, dove attualmente continua con i suoi assistenti a produrre calici e vetri nel più tradizionale sistema muranese. Altresì non si considera un artista nel vero senso della parola, ma un prosecutore della storia dell'arte vetraria di Murano. Scheda artista

 
 
 
Maria Grazia Rosin
Maria Grazia Rosin

Premio Glass in Venice a Maria Grazia Rosin

Maria Grazia Rosin, nata a Cortina d'Ampezzo, vive e lavora a Venezia.Frequenta l'Istituto d'Arte a Cortina e studia con Emilio Vedova all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove si diploma in pittura nel 1983. Nel 1992 invitata dalla Fondazione Bevilacqua La Masa, in collaborazione con i maestri soffiatori è introdotta alla conoscenza della materia vetro. A partire da questa esperienza, poi replicata in numerose altre mostre, l'artista affianca alla  bidimensionalità visionaria delle sue grandi tele, le potenzialità plastiche del vetro, che diventa nel tempo la principale forma di sperimentazione creativa, in un rapporto  privilegiato con le fornaci e i maestri di fama internazionale attivi a Murano. Scheda artista

 
 
Shay Salehi
Shay Salehi

Riedel Award a Shay Salehi

Shay Salehi è un'artista che lavora con il vetro e vive in Canada. Frequenta lo Sheridan College di Oakville, in Ontario, dove ha scelto di lavorare con il vetro, materiale che non aveva mai sperimentato prima, al fine di perseguire il suo desiderio di confrontarsi con nuove sfide.Dopo un paio di anni di esplorazione di differenti qualità e processi di lavorazione del materiale, ha iniziato a entrare in confidenza con particolari metodi, quali le tecniche di klin casting e pâte de verre.Shay è incuriosita dalla fragilità del vetro e della sua attitudine a mimare altri materiali. La sua attività artistica studia attualmente queste qualità usando linea, forma, colore e texture ottenute attraverso la tecnica pâte de verre.Fonde perle di vetro in forme pure e semplici, che giocano con lo spazio vuoto e la texture. I bordi dei pezzi sono ruvidi, irregolari ed estremamente fragili. Queste ciotole non manifestano le ben note proprietà del vetro, quali la trasparenza e le proprietà ottiche, perciò a prima vista si potrebbe anche non prendere in considerazione che il suo lavoro sia costituito da vetro. Scheda artista

 
 

PREMIO GLASS IN VENICE - Quarta edizione a Davide Fuin e Maria Grazia Rosin RIEDEL AWARD - Seconda edizione a Shay Salehi

 
 
 

Rassegna stampa

 
 
 

GLASS IN VENICE PRIZE - Fourth year
RIEDEL AWARD - Second year Venice

Venice, 15 September 2015
Part of the GLASS IN VENICE project, organised by the Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti and the Fondazione Musei Civici di Venezia to promote glass art at an international level, the Glass in Venice Prize is now in its fourth year.The Riedel Award, now in its second year, organised by the Istituto Veneto and Riedel Crystal of Austria, is aimed at young international artists and designers under 30. The prize was conceived thanks to an agreement between the Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti and Riedel Crystal, an Austrian company with a centuries-old family tradition in the production of wine glasses and decanters in blown glass.
The prize giving ceremony for the two awards will take place at the Istituto Veneto on Tuesday 15 September at 5.30 pm in the presence of: 
Gherardo Ortalli, president of the Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti 
Gabriella Belli, director of the Fondazione Musei Civici di Venezia 
Georg Riedel
, president of Riedel Crystal
Rosa Barovier, glass historian and the prize winning artists.

Glass in Venice Prize
The judging committee for the Glass in Venice prize has proclaimed the winners of the 2015 awards as among those who best express the art of glass: Davide Fuin, for his expert use of Murano techniques, and Maria Grazia Rosin, for her original artistic works.The prize was awarded to Davide Fuin for his particular links with the tradition and production techniques typical of Murano, being an excellent glass master who excels in his ability to make blown items according to Murano tradition, highlighting especially the techniques of reticello and retortoli filigree, incalmo and aventurine.The prize was awarded to the internationally recognised artist Maria Grazia Rosin for her works distinguished by an extremely original imprint: playful installations in combinations of sound and light that are absolutely contemporary, made with traditional Murano techniques in association with the best glass masters.

The Riedel Award 2015 is given to the young Canadian designer Shay Salehi.
"Shay Salehi's Pâte de Verre works are an original reinterpretation of glass. What distinguishes them is the fact that they do not display the classic properties of glass such as its transparency or optics, but they are able to transform it into something unconventional and unusual.  At first glance one might consider her bowls to be made of another material. Moreover, the use of this technique, the concept of her works - so uncontrolled and uneven - the way she fuses the glass into pure and simple forms, all this is definitely noteworthy".
Georg J. Riedel

 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter