1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Karl Stengel a Palazzo Loredan

Karl Stengel a Palazzo Loredan

24 marzo - 30 aprile, Palazzo Loredan
Campo Santo Stefano, Venezia
Spazi espositivi del piano terreno

Informazioni
Tutti i giorni dalle 10 alle 18 
Ingresso libero
La mostra, curata da Vito Abba, Ŕ organizzata dallo Studio Abba di Firenze. 
www.studioabba.com
info@studioabba.com

Ufficio stampa 
Anna Zemella
041 5208493 - 335 5426548
annazemella@annazeta.it


Una quarantina di opere recenti di Karl Stengel sarÓ esposta a Palazzo Loredan, storica sede dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Acrilici su tela, disegni e pastelli su carta e diverse opere a tecnica mista, dal 24 marzo al 30 aprile documenteranno il recente percorso artistico del maestro ungherese.  
Nei disegni e pastelli su carta emerge la tipica figura stengeliana che proietta la sua ombra metafisica su una pagina ripiegata come una quinta teatrale; la figura si riduce a una silhouette di carta, ritagliata e incollata su sfondi vorticosamente dipinti, come le figure ritagliate nei giornali dai bambini. Nelle tele di pi¨ grandi dimensioni o nelle tecniche miste, dalla figurazione - seppur accennata - si passa all'astrazione, in cui prevale il colore puro, in una gioiosa e assoluta libertÓ formale. 
 
Karl Stengel ha attraversato il Novecento affrontando periodi drammatici della recente storia dell'arte. Nato nel 1925 a Neusatz, ai tempi dell'impero austro-ungarico, inizi˛ sin dall'infanzia a disegnare, fortemente attratto dal contrasto tra il bianco e il nero. Dopo la guerra e gli anni del campo di prigionia in Russia, nell'epoca del realismo socialista riuscý con fatica a farsi ammettere a un'accademia d'arte. Con l'occupazione dell'Ungheria del 1956, Stengel fuggý a Monaco di Baviera dove all'Akademie der Sch÷nen KŘnste venne in contatto con la corrente del modernismo astratto e dove, dopo lunghi anni di sofferto silenzio, ritrov˛ la via dell'espressione artistica.
Negli anni seguenti partecipa a importanti mostre in Germania (Berlino, Monaco, Sommerhausen) in particolare a quella nell'Istituto di Cultura Italiana a Monaco, dove espone illustrazioni per il Decamerone di Boccaccio e per i Frammenti di Giuseppe Ungaretti. Artista riconosciuto a livello internazionale, a Stengel sono state dedicate numerose mostre in USA (New York), Norvegia e Romania, Polonia (Varsavia, Krakowa), Francia (Parigi), Spagna, Messico e Romania. 
In Italia le sue mostre personali sono state ospitate in numerose cittÓ tra cui Firenze, Bologna e Milano.
Ad Arezzo, nelle sale rinascimentali di Palazzo Gozzari, uno spazio espositivo permanente Ŕ riservato alla Collezione Karl Stengel (www.stengelcollection.org).Recentemente alcune sue opere sono state esposte a Venezia, a Palazzo Mora, in concomitanza con la cinquantaseiesima Biennale, in occasione della mostra Personal Structures. Ad ottobre 2015 Karl Stengel ha partecipato con un'opera al concorso internazionale GemlucArt a Montecarlo, insieme a 140 artisti. Una giuria composta da curatori e personalitÓ del mondo dell'arte, tra cui Marina Picasso, ha assegnato a Karl Stengel il primo premio.

Il critico Giampaolo Trotta:
Le opere di Karl Stengel esposte a Palazzo Loredan sono suddivise in due sostanziali gruppi, apparentemente diversi tra di loro: le grandi tele dominate dal colore, di forte impatto lirico ed emozionale espressionista astratto, che affondano le proprie radici nella sperimentazione informale americana ed europea postbellica, e una figurazione surreale su carta e di pi¨ contenute dimensioni, di ascendenza pi¨ marcatamente europea e segnatamente espressionista tedesca. Opere tutte assai originali e di forte impatto, che uniscono il raro pregio di possedere un'assoluta identitÓ artistica ma, al contempo, una forte radice culturale nell'arte storica del Novecento. 


 
 
 
 
 
  1. Calendario
  2. Divulgazione
  3. Video
  4. Banca Dati Lagunare Ambientale
  5. Pubblicazioni dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
  6. Collaborazioni nazionale e internazionali
  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter