1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Presentazione del volume di Luigi D'Alpaos

Un giorno, ospite inatteso, arrivò l'alluvione. Ricordi di un'ingegnere su una battaglia perduta. 1966 - 2016.

Un giorno, ospite inatteso, arriv˛ l'alluvione. Ricordi di un'ingegnere su una battaglia perduta. 1966 - 2016.

VenerdÝ 14 Ottobre 2016, ore 17.30 - Palazzo Franchetti

Interviene

Giampaolo Bottacin, Assessore all'ambiente e protezione civile Regione del Veneto 

Andrea Rinaldo, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti; UniversitÓ degli studi di Padova

SarÓ presente l'autore

La partecipazione all'iniziativa Ŕ libera fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Scrive l'autore nella sintesi, a giustificazione del titolo, che le alluvioni quando accadono sembrano cogliere sempre di sorpresa i governanti, che generalmente si dimostrano poco propensi ad avviare nei fatti politiche adeguate nel campo della difesa del suolo e tendono a sottovalutare il ruolo dell'azione dell'uomo, che molto spesso contribuisce ad aggravare le conseguenze che si subiscono. Il volume Ŕ dedicato ai fenomeni alluvionali da lui vissuti direttamente durante la piena del novembre 1966, e poi incrociatisi ripetutamente con la sua vita di ingegnere e alla soluzione dei loro problemi. L'autore ricorda con una certa amarezza come agli anni di intense attivitÓ avviate dopo l'alluvione grazie agli studi della autorevole Commissione De Marchi e alle indagini di approfondimento sugli interventi concreti suggeriti, siano seguiti lunghi anni di oblio, durante i quali nel Veneto praticamente nessuno dei provvedimenti indicati a difesa dalle piene Ŕ stato realizzato. Per contro si Ŕ notevolmente accresciuto il rischio idraulico al quale sono esposti importanti insediamenti civili e industriali nel nostro territorio e le strutture di comunicazione che lo attraversano. Di pi¨ - egli aggiunge - dagli anni ottanta del Novecento sono incominciate a crescere le opposizioni in sede locale agli interventi, opposizioni ispirate il pi¨ delle volte "da un egoismo becero e irrazionale, sostenuto da una palese disinformazione sui fatti accaduti e sulle soluzioni tecniche proposte.

Il volume Ŕ frutto di una collaborazione tra la Fondazione Giovanni Angelini Centro Studi sulla Montagna e l'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.


 
 
 
 
 
 
 

Rassegna stampa

 
 
 
 
 
 
 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter