1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

FUTUROMA

 
FUTUROMA
Jßn Berky, Khatar avlam the kaj dzavas? (Where we came from and where we are going?), 1997, Collage on paper.Courtesy of the artist and the Museum of Romani Culture, Brno

Mostra d'Arte contemporanea
Magazzino alle Zattere, Dorsoduro 417

10 maggio - 24 novembre 2019
Mar-Dom 10.15-17.00

L'iniziativa Ŕ ospitata dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Curato da
Daniel Bakerá
Promosso da
ERIAC - European Roma Institute for Arts and Cultureá

Celia Baker I Jan Berky I Marcus-Gunnar Pettersson I Odon Gyugyi I Billy Kerry I Klara Lakatos Iá
Delaine Le Bas I ValÚrie leray I Emllln Rigova I MarkÚta SestÚkovÚ I Selma Selman I Don Turner Iá
Alfred Ullrich I Laszlo Vargaá

Con l'avvicinarsi delle elezioni europee 2019, assistiamo alla crisi del modello europeo, all'inasprirsi dei nazionalismi e ad una crescente violenza nei confronti delle minoranze. Attivarsi contro ogni forma di discriminazione Ŕ una responsabilitÓ fondamentale per ognuno di noi.á
FUTUROMA, Evento Collaterale della 58. Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia, Ŕ un importante progetto che riunisce i contributi pi¨ significativi di artisti appartenenti alla comunitÓ rom che col loro lavoro hanno saputo influire in modo incisivo sulla societÓ europea, oggi e in passato.á
Curato da Danial Baker e promosso da ERIAC - European Roma Institute for Arts and Culture, FUTUROMA presenta l'innovativo lavoro di quattordici artisti rom, di etÓ compresa tra i ventisette e i novantacinque anni, provenienti da otto diversi paesi europei (Sosnia ed Erzegovina, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Ungheria, Siovacchia, Svezia, Regno Unito).á
FUTUROMA segna lo terza partecipazione di artisti rom alla Biennale Arte, per lo prima volta si tratta di un progetto interamente curato da rappresentanti della comunitÓ rom. Il progetto intende portare i lavori pi¨ significativi alla luce e renderli fruibili ad un pubblico ampio e diversificato, mostrando come il contributo della cultura rom sia parte integrante della scena culturale europea.á
I lavori esposti sono "radicati nelle tecniche e nelle tradizioni della diaspora rom, ma allo stesso tempoá
sono fortemente proiettati verso il futuro" e collocano il visitatore in una dimensione spazio-temporaleá
consapevole e legata al passato, ma decisamente avveniristica, arricchendo il 'qui ed ora' quale luogo per una visione alternativa dell'identitÓ culturale rom.á

FutuRoma Ŕ gentilmente supportata da: Auswartiges Amt, Council of Europe - Ufficio di Venezia, Fondazione Max Kohler, Fondazione Michael Schrnýdt, Fondazione Kommunikationsaufbau, Open Society Foundations, Ufficio Nazionale Antidiscrlminazioni Razziali (UNAR)á

Daniel Baker Ŕ un artista, curatore e ricercatore rom gipsy e vive e lavora a Londra. Ha conseguito un PhD presso il Royal College of Art e si Ŕ precedentemente formato presso la Greenwich University e il Ravensbourne College of Art and Design. Baker ha contribuito a vari progetti espositivi e ha partecipato a varie residenze. Ha collaborato ai due progetti rom presenti alle edizioni passate della Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia.áPer ulteriori informazioni: www danielbaker net

The European Roma Institute for Arts and Culture, e.V. (ERIAC) Ŕ un'organizzazione transnazionale con lo scopo di riconoscere le arti e la cultura rom. Con sede a Berlino, ERIAC Ŕ un'iniziativa del Council of Europe, dell'Open Society Foundations e della Roma Leader's Initiative - l'Alleanza per l'Istituto Europeo dei rom, istituita il 7 giugno 2017. La rnlsslon di ERIAC Ŕ quella di promuovere i vari contributi rom su scala europea, oltre che quella di documentare le esperienze delle comunitÓ rom in tutto il continente.
áPer ulteriori informazioni: www.eriac.org

Website: https://eriac.org/futuroma/l
Ufficio Stampa - Chiara Sartori ed Ema Kaiser press@eriac.org


 
 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter