1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Premio giornalistico Istituto Veneto per Venezia

Edizione 2014

 
 
Premio giornalistico Istituto Veneto per Venezia

I VINCITORI DELL'EDIZIONE 2014
L'edizione 2014 del Premio Istituto Veneto per Venezia č stato attribuito ex ęquo
all'articolo Der Kreuzzug (La Crociata) di Dirk Schümer, pubblicato dal «Frankfurter Allgemeine Sonntagzeitung» il 17 novembre 2013 e
al video Come to Venice (2013), di Benedetta Panisson

LE MOTIVAZIONI DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE

"L'articolo di Dirk Schümer si inserisce a pieno titolo nella migliore tradizione culturale del giornalismo tedesco di qualitą e, al di lą del tema specifico trattato, č sostenuto da una sicura conoscenza delle realtą veneziane, maturata in una lunga e appassionata frequentazione della cittą, con un rapporto che da tempo si concretizza in interventi in grado di cogliere in profonditą i meccanismi e i sentimenti del vivere cittadino ai suoi diversi livelli. All'acuta percezione di fondo di quella che indubbiamente considera la "fortuna" del potere vivere in Venezia, si accompagna lo spirito criticamente affinato di chi sa cogliere i problemi reali andando oltre le facili parole d'ordine. In questa prospettiva l'articolo oggetto del premio, specificamente mirato alla delicata questione del traffico delle grandi navi e delle modalitą del turismo, si propone come meditata analisi critica rispetto a scelte importanti per il presente e il futuro del sistema Venezia.

Il filmato Come to Venice di Benedetta Panisson trascende il livello documentario presentando una sorta di 'diario intimo' dove alcuni veneziani, i cui volti sono nascosti, raccontano perché si vive a Venezia, che cosa manca, cosa č essenziale, cosa si ama e cosa si detesta di questa cittą. Le voci, vive e sincere, accompagnate sullo sfondo dal suono drammatico delle sirene dell'acqua alta, diventano 'voci collettive', espressione di un comune sentire. Vincono i motivi per amare Venezia e resistervi, nonostante i disagi, ed il finale suono delle campane di S. Marco libera il cuore dall'angoscia. Originalitą di impostazione, ottima qualitą delle riprese e del montaggio fanno meritare a questo filmato il premio Istituto Veneto per Venezia."

La Commissione giudicatrice
La Commissione č composta da:
Gian Antonio Danieli, Presidente; Frances Clarke, Lorenzo Fellin, Sandro Franchini, Leopoldo Mazzarolli, Gherardo Ortalli, Antonio Paolucci, Manlio Pastore Stocchi, Andrea Rinaldo, Pierre Rosenberg, Wolfgang Wolters, Alvise Zorzi.
Sebastiano Pedrocco segretario.

La cerimonia di assegnazione del Premio si č svolta a Venezia, domenica 28 settembre,
nella sede di palazzo Franchetti, alle ore 11. Ingresso libero.

 
 
 
 

Link al video di Benedetta Panisson Come to Venice, 2013
"COME TO VENICE"SINOPSI / SYNOPSIS
"Come to Venice" (2013) e' un documentario di 20 minuti su Venezia. Una trentina di interviste realizzate con chi vive in citta' raccontano le gioie e i dolori di Venezia. A tutti sono state fatte le stesse semplici domande: la cosa piu' bella, la cosa piu' brutta, cosa manca, cosa c'e' di troppo, un desiderio, cosa si ama, cosa si odia, la relazione con il mare e le maree.Le persone intervistate indossano un cappuccio nero, simbolo della perdita dell'identita', ma anche della presenza di una minaccia sconosciuta.Il suono della sirena di allarme che accompagna tutto il documentario fu registrata anni fa dall'originale suono che avvertiva i cittadini dell'arrivo dell'alta marea. Lo stesso suono qui diviene uno stato generale di allarme.E' un coro, un coro che attraverso la voce cerca di tenere insieme la comunita'.

"Come to Venice" (2013) is a 20 minutes documentary about Venice. Thirty interviews made to people who lives in the island tell about Venice joy and sadness. Questions are always the same for everybody: the most beautiful thing, the ugliest thing, what lacks, what is too much, a fear, a desire.Interviewed people are covered by a black hood; it's symbol of the loss of identity, but also a condemnation, the presence of an unknown threat.The sound of the alarm syren is the recording of the original high tide syren that was used till some years ago to alert islanders.The same sound here becomes a general state of alarm.It's a chorus, a chorus that through voice is trying to keep together the community.

 

Breve nota biografica dei due vincitori

Dirk Schümer

Dirk Schümer, redattore e corrispondente del Frankfurter Allgemeine Zeitung, vive per lunghi periodi a Venezia, cittą che conosce profondamente e alla quale ha dedicato numerosi articoli di carattere culturale e di costume. Dalla fine del 2014 scrive come opinionista per il quotidiano tedesco Die Welt su temi europei. Visiting professor alle Universitą di Groningen (Olanda) e di Essen (Germania), ha condotto programmi televisivi su argomenti letterari e pubblicato diversi libri su temi culturali e socio-politici. Nel 2014 gli č stato conferito il premio "Erich Fromm" per il suo impegno per i valori dell'umanesimo e del dialogo europeo.

 
 

Benedetta Panisson č una giovane autrice veneziana che lavora tra Venezia e Milano, dedicandosi a video installazione, fotografia, live performance e disegno.
Ha partecipato e collaborato a diverse premi ed esposizioni tra cui l'International Prize for Performance, curato da Marina Abramovic (2005); Fondazione Bevilacqua la Masa, Venezia; Premio Furla per l'Arte 2007; Care of, Milano; Centre International des Recollets, Paris (2006, in collaborazione con Valentina Loi); Bienal de Valencia; Spazio Oberdan, Milano; International Sarajevo Winter Festival; Galleria Riccardo Crespi, Milano; Museo della Permanente, Milano; Centro Pecci, Prato; Centrale di Fies, Trento; UNESCO, Maison de l'UNESCO, Parigi.

 
 

La premiazione

Dirk Schümer, premiato per l'articolo Der Kreuzzug
Dirk Schümer, premiato per l'articolo Der Kreuzzug
 
Benedetta Panisson premiata per il videio Come to Venice
Benedetta Panisson premiata per il videio Come to Venice
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  1. Calendario
  2. Divulgazione
  3. Video
  4. Banca Dati Lagunare Ambientale
  5. Pubblicazioni dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
  6. Collaborazioni nazionale e internazionali
  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter