1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Stephen J. Gould's Legacy: Nature, History, Society

 
Stephen J. Gould

May 10-12, 2012
International Meeting

Organized by Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
in collaboration with UniversitÓ Ca' Foscari, Venezia

May 20, 2012 will be the tenth anniversary of Stephen Jay Gould's death. Palaeontologist at the Museum of Comparative Zoology, Harvard University, eminent evolutionary biologist, science writer, science historian and opinion maker, Gould gave us an extended and revised version of the theory of evolution, his "Darwinian pluralism", which is today an excellent frame for understanding the scientific advancements in many evolutionary fields. His anticipating intuitions about the conjunction of evolution and development, the role of ecological and biogeographical factors in speciation, the need for a multi-level interpretation of the units of selection, the interplay between functional pressures and internal constraints in processes like exaptation, are fruitful current lines of experimental research today. Even his pungent and sometimes very radical controversies against the progressive representations of evolution (especially human evolution), the pan-selectionist and gene-centered view of natural history, or the adaptationist "just-so-stories", have left their mark in contemporary biology. Gould's histories of nature were explorations in the nature of history, with wider cultural and philosophical implications, like his crucial concept of contingency. In the wonderful location of "Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti" in Venice, the town of Gould's "spandrels of San Marco", an international panel of scientists and philosophers - including Gould's closest friends and colleagues like Niles Eldredge, Elisabeth Lloyd and (in video) Richard Lewontin - will discuss his evolutionary and anthropological legacy, his idea of science as a complex rational enterprise, evolving itself and immersed in human society, his proposal for a methodology in historical sciences, and his unmistakable style of writing and argumentation, overcoming the boundaries between science, literature and art. In Gould scientific research and communication of science were two fields of inquiry strictly related by the idea that science is a high expression of human curiosity and culture.

Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
May 10, 2012


9.00 a.m.
Opening of the meeting

9.15 a.m.
Introduction

Telmo Pievani, UniversitÓ degli studi di Milano Bicocca; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Ten years without Stephen J. Gould: the scientific heritage

9.45 a.m. First session:
Chair Telmo Pievani, UniversitÓ degli studi di Milano Bicocca; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

9.45 a.m. Richard C. Lewontin, Harvard University (video)

10.00 a.m Niles Eldredge, American Museum of Natural History, New York
Stephen Jay Gould in the 1960s and 1970s, and the Origin of "Punctuated Equilibria"

10.45 a.m. Coffee break

11.00 a.m. Second session
Chair: Marco Ferraguti, UniversitÓ degli studi di Milano

11.00 a.m Alessandro Minelli, UniversitÓ degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Individuals, hierarchies, and the levels of selection.
A chapter in Gould's evolutionary theory

11.45 a.m. Elisabeth Lloyd, Indiana University
Gould and adaptation: San Marco 33 years later

2.30 p.m. Third Session
Chair: Alessandro Minelli, UniversitÓ degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.

2.30 p.m Gerd MŘller, Konrad Lorenz Institute, Vienna; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Beyond Spandrels: S.J. Gould, EvoDevo, and the Extended Synthesis

3.15 p.m. T. Ryan Gregory, University of Guelph
A Gouldian view of the genome

4.00 p.m. Coffee break

4.15 p.m. Fourth session
Chair: Elena Gagliasso, Sapienza UniversitÓ di Roma

4.15 p.m Giuseppe Longo, CNRS, CREA, Ecole Polytechnique et CIRPHLES, Ecole Normale SupÚrieure, Paris
Randomness increases biological organization: a mathematical understanding of Gould's critique of evolutionary progress

5.00 p.m. Marcello Buiatti, UniversitÓ degli studi di Firenze
Biological complexity and punctuated equilibria


Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
May 11, 2012


9.00 a.m. Fifth session:
Chair: Giorgio Manzi, Sapienza UniversitÓ di Roma

9.00 a.m. Ian Tattersall, American Museum of Natural History, New York
Steve Gould's intellectual legacy to anthropology

9.45 a.m. Guido Barbujani, UniversitÓ degli studi di Ferrara
Mismeasuring man thirty years later

10.30 a.m. Coffee break

10.45 a.m. Sixth session
Chair: Bernardino Fantini, UniversitÚ de GenŔve

10.45 a.m. Klaus Scherer, UniversitÚ de GenŔve
Affect bursts as evolutionary precursors of speech and music

11.30 a.m. Winfried Menninghaus, Freie Universitńt Berlin
Darwin's theory of music, rhetoric and poetry. A (partly) Gouldian perspective

2.30 p.m. Seventh session
Chair: Maria Turchetto, UniversitÓ Ca' Foscari di Venezia

2.30 p.m. Alberto Gualandi, UniversitÓ degli studi di Bologna
The Gould effect. Neoteny, exaptation and human sciences

3.15 p.m. Andrea Cavazzini, UniversitÚ de LiŔge
Beyond (and without) the invisible hand. Transfer of concepts between economics and evolutionary theory

4.00 p.m. Coffee break

4.15 p.m. Marco Pappalardo, McGill University, Montreal
Stephen Jay Gould's hypothesis on neoteny in humans

5.00 p.m. Closure of the meeting  

UniversitÓ Ca' Foscari di Venezia
May 12, 2012


9.00 a.m. Round table on communication of science
 

Chair: Gianna Milano
International School for Advanced Studies of Trieste 

Angelo Aquaro
źLa Repubblica╗
Brunella Danesi
Associazione Nazionale degli Insegnanti di Scienze Naturali
Pietro Greco
International School for Advanced Studies of Trieste
Giorgio Narducci
Circolo Gould, Roma
Andrea Rinaldo
UniversitÓ degli studi di Padova
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti 

11.00 a.m. Coffee break
 
11.30 a.m. Round table on translation into italian of
"Ontogeny and Phylogeny" 

Chair: Giorgio Panini
UniversitÓ degli studi di Bologna
 

Andrea Cavazzini
UniversitÚ de LiŔge
Silvia Di Cesare
Ecole Normale SupÚrieure de Paris
Marco Pappalardo
McGill University, Montreal
Federica Turriziani Colonna
Sapienza UniversitÓ di Roma
Ecole Normale SupÚrieure de Cachan 


Organizing Committee:
Gian Antonio Danieli
, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.
Elena Gagliasso, Sapienza UniversitÓ di Roma.
Alessandro Minelli, UniversitÓ degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.
Telmo Pievani, UniversitÓ degli studi di Milano Bicocca; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.
Maria Turchetto, UniversitÓ Ca' Foscari di Venezia.

Chairmen:
Bernardino Fantini
, UniversitÚ de GenŔve
Marco Ferraguti, UniversitÓ degli studi di Milano
Elena Gagliasso, Sapienza UniversitÓ di Roma
Giorgio Manzi, Sapienza UniversitÓ di Roma
Alessandro Minelli, UniversitÓ degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti.
Telmo Pievani, UniversitÓ degli studi di Milano Bicocca; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Maria Turchetto, UniversitÓ Ca' Foscari di Venezia

Invited speakers:
Guido Barbujani, UniversitÓ degli studi di Ferrara
Marcello Buiatti, UniversitÓ degli studi di Firenze
Andrea Cavazzini, UniversitÚ de LiŔge
Niles Eldredge, American Museum of Natural History, New York
T. Ryan Gregory, University of Guelph
Alberto Gualandi, UniversitÓ degli studi di Bologna
Elisabeth Lloyd, Indiana University
Giuseppe Longo, CNRS; Ecole Normale SupÚrieure, Paris
Winfried Menninghaus, Freie Universitńt Berlin
Alessandro Minelli, UniversitÓ degli studi di Padova; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Gerd MŘller, Konrad Lorenz Institute, Vienna; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Marco Pappalardo, McGill University, Montreal
Telmo Pievani, UniversitÓ degli studi di Milano Bicocca; Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Klaus Scherer, UniversitÚ de GenŔve
Ian Tattersall, American Museum of Natural History, New York


10 - 11 maggio

Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Palazzo Franchetti

12 maggio
UniversitÓ di Ca' Foscari, Venezia
Aula Baratto


Nel 2012 ricorrono i dieci anni dalla morte di Stephen Jay Gould (20 maggio 2002), l'insigne paleontologo di Harvard che ci ha lasciato in ereditÓ una riformulazione della teoria di Darwin oltre i confini della cosiddetta "Sintesi Moderna", all'altezza delle nuove scoperte biologiche del terzo millennio. Insieme ad altri studiosi di discipline evoluzionistiche, Gould ha insistito a partire dagli anni Settanta sull'urgenza di rivedere l'immagine di un'evoluzione lineare ed esclusivamente graduale delle specie, sull'opportunitÓ di considerare unitÓ di evoluzione a pi¨ livelli (non solo geni, ma anche organismi e specie), sulla necessitÓ di integrare i processi evolutivi con quelli dello sviluppo (come argomentato nel suo capolavoro anticipatore del 1977, Ontogeny and Philogeny), sull'insufficienza della dualitÓ rigida mutazione/selezione per comprendere nel dettaglio la trasformazione degli organismi e delle specie, sul ruolo dei fattori ecologici e degli schemi su larga scala non riducibili alla microevoluzione, sull'implausibilitÓ delle spiegazioni adattazioniste estese a ogni dettaglio del mondo vivente, e nondimeno sulla centralitÓ dei vincoli (storici, morfogenetici e ontogenetici) che influiscono su ogni processo evolutivo (uno degli oggetti principali del suo monumentale testamento scientifico del 2002, La struttura della teoria dell'evoluzione). In molti di questi casi - si pensi soltanto ai progressi attuali dell'Evo-Devo, la biologia evoluzionistica dello sviluppo, all'importanza del concetto di "exaptation", all'integrazione di dati molecolari, paleontologici ed ecologici nella ricostruzione delle filogenesi - i contributi di Gould hanno anticipato e accompagnato molte linee di ricerca feconde nelle scienze della vita, contribuendo a prefigurare quella "estensione e revisione" della teoria darwiniana (il suo "pluralismo darwiniano") che oggi Ŕ considerata dalla comunitÓ scientifica una promettente frontiera di indagine. La sua idea di contingenza storica e la sua critica alle visioni progressioniste dell'evoluzione rappresentano una preziosa ereditÓ da rilanciare. Inoltre, lo studioso statunitense di origine ebraica ungherese ha elaborato queste problematiche con grande sensibilitÓ filosofica e storica, recuperando autori e correnti dimenticati nel periodo di trionfo della prima biologia molecolare. La sua visione della scienza come impresa razionale essa stessa in evoluzione e immersa in contesti sociali e la sua proposta di un metodo scientifico per le discipline storiche, a partire dalla lezione di Darwin sulla storia naturale, hanno influenzato profondamente il dibattito epistemologico. Grazie alle sue eccellenti doti di scrittura e di comunicazione, ha lavorato in modo magistrale anche sugli intrecci tra cultura generale, ideologie e pratiche artistiche nella formazione dei concetti biologici.

Il convegno internazionale vuole ricordare il grande scienziato e scrittore di scienza tracciandone un profilo complessivo e interrogando la sua vasta e multiforme opera, con un accento particolare sulle sue anticipazioni e sulle questioni che si collocano al confine tra scienze della natura e scienze storico-sociali, anche grazie alla testimonianza preziosa degli scienziati e dei filosofi che hanno condiviso con Gould le loro ricerche.

 
 
 
 
 
 
  1. Calendario
  2. Divulgazione
  3. Video
  4. Banca Dati Lagunare Ambientale
  5. Pubblicazioni dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
  6. Collaborazioni nazionale e internazionali
  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter