1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Demografia: luoghi comuni e dati reali

Martedì 28 febbraio 2012 - Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - ore 17:30

Intervengono Gianpiero Dalla Zuanna e Antonio Golini; coordina Giovanni Spataro

La «popolazione mondiale» è una somma di realtà estremamente differenti e rappresentarla con indicatori globali comporta l'occultamento delle dinamiche specifiche che le caratterizzano. Differenti i tassi di natalità e mortalità, differenti i modelli di popolamento e le densità abitative, differenti anche le ragioni che nei vari paesi hanno regolato e regolano questi fenomeni, ai quali si aggiungono le transizioni demografiche (migrazioni temporanee e permanenti).
Se l'elemento caratterizzante il XX secolo è stato l'esplosione demografica (da 1,6 miliardi di persone nel 1900 a 6,1 nel 2000), il XXI sarà caratterizzato dall'invecchiamento della popolazione e dal "paradosso" della concentrazione metropolitana.
Quali conseguenze avranno, nel prossimo futuro, la riduzione del tasso di natalità, l'incremento della longevità e la crescente urbanizzazione? La questione più controversa rimane comunque la stessa: esiste il rischio di sovrappopolamento del pianeta?

 
 
Tasso di crescita della popolazione mondiale, 2011Persone (fonte: http://saporedisapere.files.wordpress.com/2012/09/persone-1.jpg)Piramide di distribuzione della popolazione italiana, anno 2010
 
Approfondimenti
Link
Antonio Golini: Presentazione

Gianpiero Dalla Zuanna: Presentazione

 
 
 

L'immagine in locandina è tratta da: http://saporedisapere.files.wordpress.com/2012/09/persone-1.jpg

Le icone in questa pagina sono, da sinistra a destra, tratte da:
http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/27/Population_growth_rate_world.PNG. Licenza Creative Commons.
http://saporedisapere.files.wordpress.com/2012/09/persone-1.jpg
http://www.venicemarketingreport.com/analisi/marketing-problemi-e-opportunita-nei-prossimi-anni/

 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter