1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Letture di Torquato Tasso

Giovedì 28 febbraio 2013 - ore 17:30

Manlio Pastore Stocchi legge e commenta alcuni brani dalla "Gerusalemme liberata" di Torquato Tasso.

 
Immagine di Torquato Tasso
Torquato Tasso

Torquato Tasso nasce a Sorrento nel 1544.
Scrittore e poeta, la sua opera più conosciuta è il poema epico la "Gerusalemme liberata".
Dopo un'infanzia inquieta, funestata dalla perdita della madre, in cui riceve una solida istruzione e un'educazione cattolica, nel 1565 entra al servizio del Cardinale Luigi d'Este e successivamente del fratello, il duca Alfonso II, sotto il cui protettorato lavora, a più riprese, per diversi anni. Di animo tormentato e temperamento instabile, vaga per diverse corti, anelando ad avere il protettorato ora dei Medici ora del Pontefice ma, non  riuscendo nei suoi intenti, si ritrova più volte a ricercare il protettorato del duca d'Este. La sua inquietudine lo porta a ritrovarsi ricoverato suo malgrado nell'Ospedale di Sant'Anna. Chiede anche più volte di essere processato dall'inquisizione, uscendone sempre assolto, e in varie occasioni si avvale dell'ospitalità dei conventi olivetani. Negli ultimi anni di vita, trascorsi tra Napoli e Roma, ritrova una maggiore serenità, spirituale ed economica, con rinnovati apprezzamenti e riconoscimenti. Si spegne a Roma nel 1595, all'età di 51 anni.
La sua produzione letteraria annovera numerosi componimenti, sia in prosa (i ventisei Dialoghi di vario argomento) che in versi. Tra le opere in versi  si contano, oltre al sopra citato poema epico, una tragedia (Il Re Torrismondo), un poema didascalico (Il mondo creato), un dramma pastorale (Aminta), e una  produzione lirica di oltre 1700 testi. (Immagine tratta da: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/7e/16th-century_unknown_painters_-_Portrait_of_Torquato_Tasso_-_WGA23945.jpg; Licenza Creative Commons.)

 
 
Immagine di Manlio Pastore Stocchi
Manlio Pastore Stocchi

Nato a Venezia, già professore ordinario di Filologia medievale e umanistica, è stato dal 1983-84 ordinario di Letteratura Italiana nell'Università di Padova. Vice-Presidente dell'Istituto Veneto si Scienze Lettere e Arti, è socio nazionale dell'Accademia dei Lincei, dell'Accademia Galileiana in Padova e membro di numerose altre Accademie.
Si è occupato di letteratura medievale, latina e volgare, e dell'Umanesimo con edizioni di testi, studi filologici ed eruditi e letture critiche su Mussato, Dante, Petrarca, Boccaccio, Poliziano, Ermolao Barbaro, Galeotto Marzio; di Torquato Tasso e di lirica e iconologia rinascimentale; nonché di problemi e autori del Sette-Ottocento, con saggi critici e con edizioni e commenti di opere di Goldoni e di Giacomo Zanella; ecc. Dall'esperienza maturata attraverso la progettazione e direzione (insieme con Girolamo Arnaldi) della Storia della cultura Veneta in 10 tomi (1976-1986) ha poi sviluppato un interesse costante verso la letteratura, la cultura, la fisionomia civile del Veneto specialmente nei tempi estremi della Serenissima, indagate in numerosi scritti su figure maggiori e minori e su eventi del secondo Settecento e del primo Ottocento: Giovanni Costa, Ugo Foscolo, Jacopo Vittorelli, Angela Veronese, ecc. Un particolare interesse rivolge, quale membro del consiglio scientifico del Centro di studi su Canova e il Neoclassicismo in Bassano, alla cultura letteraria e artistica dell'età neoclassica. Attualmente collabora fra l'altro alla raccolta e alla informatizzazione di tutta la poesia italiana in latino dal 1374 alla fine del Quattrocento. Nel 1997 l'Accademia Nazionale dei Lincei gli ha assegnato il premio per la Filologia e Linguistica istituito dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali.
Tra le sue pubblicazioni più recenti, i volumi Forme e figure. Retorica e poetica dal Cinquecento all'Ottocento, Firenze 2008; Memoria del paterno governo. Sentimento civile e inflessioni della letteratura nel tramonto della Serenissima Repubblica, Venezia 2009; Dante Alighieri, Epistole Ecloge Questio de situ et forma aque et terre, a cura di M. Pastore Stocchi, Roma-Padova 2012,  Il lume d'esta stella. Ricerche dantesche, Roma 1913; Rime degli Arcadi I-XIV, 1716-1781. Un repertorio, Roma 2013 (con M. L. Doglio).

 
 
Link

da Treccani: Torquato Tasso
da Wikipedia: Torquato Tasso
da Biblioteca della letteratura italiana: Gerusalemme liberata

 
 

Registrazione video dell'incontro

 
 
  1. Calendario
  2. Divulgazione
  3. Video
  4. Banca Dati Lagunare Ambientale
  5. Pubblicazioni dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
  6. Collaborazioni nazionale e internazionali
  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter