Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Recettori cellulari

Martedì 9 aprile 2013 - Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - ore 17:30

Intervengono Diego Fornasari e Cesare Montecucco; coordina Silvia Bencivelli

L'organismo umano Ŕ costituito da miliardi di cellule, che devono poter interagire, riconoscersi e relazionarsi con l'ambiente esterno. I recettori cellulari sono i sensori attraverso i quali avviene la risposta adattativa delle cellule ai diversi stimoli di natura chimica o fisica. Fino a buona parte del secolo scorso poco si sapeva su di essi, e ancora oggi molto rimane da scoprire, ma si sono fatti enormi progressi, che hanno consentito importanti applicazioni terapeutiche. L'assegnazione a Robert J. Lefkowitz e Brian K. Kobilka del Nobel per la Chimica nell'ottobre del 2012 ha voluto premiare proprio due ricercatori che hanno fornito contributi fondamentali in questo settore, le cui scoperte permetteranno di progettare farmaci sempre pi¨ mirati, selettivi e con minori effetti collaterali. Ma cosa sono i recettori cellulari, e come funzionano? Per quale ragione ricoprono un ruolo tanto importante in farmacologia? 

 
 
 
Rappresentazione grafica di proteina transmembranaModello di funzioni cellularirecettore nicotinico muscolare (NM)
 

Consulta il VIDEO in streaming

 
Link

da Wikipedia: Recettore

da Treccani.it: Recettore

da Harvard University: The Inner Life of the Cell (animazione video)

da SciVis, IFC - CNR, Pisa: Recettore della tireotropina sui globuli rossi (animazione video)

 
 

Registrazione video dell'incontro

 

L'immagine in locandina Ŕ stata tratta da:
http://images3.informazione.it/OO2o4kTgOElXZx88CZ0u82maG8WOY8rF5vA+3LiJ7EFTdS47W4pkzbLIAp0GBRHb

Le icone in questa pagina sono, da sinistra a destra, tratte da:
http://www.focus.it/scienza/nobel-2012-per-la-chimica_C12.aspx
http://4.bp.blogspot.com/-DpKdkSmuBg8/TvYMcOI3HpI/AAAAAAAAAhw/qb9J04frEsQ/s1600/lipid%2Brafts.jpg
http://www.medicinapertutti.altervista.org/argomento/recettore-colinergico-nicotinico

 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito