1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Archivio Angelo Minich

Angelo Minich

 Il fondo, rinvenuto tra le carte d'archivio, è pervenuto all'Istituto in occasione del lascito testamentario di Angelo Minich.
Serafìno Raffaele (1808-1883) ed Angelo (1817-1893) Minich erano fratelli. Veneziani, ma di famiglia oriunda di Cattaro, si erano arricchiti con la professione: docente di matematica presso l'Università di Padova (di cui fu anche rettore) il primo; primario di chirurgia all'Ospedale civile di Venezia il secondo. Non essendosi sposato nessuno dei due, trascorsero la vecchiaia dedicandosi agli studi prediletti; quando Serafìno Raffaele morì, il fratello decise di dividerne la ricca biblioteca "tra le due famiglie ch'egli ebbe", e cioè l'università e l'Istituto*. Dieci anni dopo toccava ad Angelo di andarsene: era stato a lungo curatore della Fondazione Balbi Valier (amministrata dall'Istituto) e poi presidente dello stesso sodalizio e, se fosse vissuto, sarebbe tornato a ricoprire tale carica; cinque giorni dopo la sua scomparsa, il 2 novembre 1893 l'Istituto si riuniva in adunanza straordinaria dal momento che, precisava De Berta, "non era conveniente che i membri [...] venissero inesattamente informati dai giornali, delle generose disposizioni testamentarie del compianto collega vicepresidente senatore", che aveva lasciato erede l'Istituto di una fortuna, "la quale si calcola possa raggiungere a netto [...] la somma di £. 700.000 tutte in carte pubbliche e titoli di credito". Sin dal 22 aprile '94 venne approvato un regolamento amministrativo provvisorio (divenuto definitivo il 14 novembre 1897) e fu istituita una apposita commissione per esaminare il gran numero di proposte che i soci avevano prontamente avanzato, nella speranza di vedere infine realizzati più o meno vecchi loro disegni idee progetti aspirazioni (cfr. G. Gullino, L'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti. Dalla rifondazione alla seconda guerra mondiale (1838-1946), Venezia 1996).
Il fondo archivistico è diviso in due sezioni: nella prima sono contenute, prevalentemente, documenti di Angelo Minich relativi alla sua attività di medico ospedaliero a Venezia, come nomine nelle commissioni di sanità, onorificenze, corrispondenza con società scientifiche, ecc., nella seconda è conservata la raccolta di testi manoscritti, appunti di lezioni, relazioni.


 
 
  1. Calendario
  2. Divulgazione
  3. Video
  4. Banca Dati Lagunare Ambientale
  5. Pubblicazioni dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
  6. Collaborazioni nazionale e internazionali
  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter