Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Parise e le arti

Giosetta Fioroni, Ritratto di Goffredo, 1966 // Roma, collezione privata
Giosetta Fioroni, Ritratto di Goffredo, 1966 // Roma, collezione privata, particolare

Venezia, 25 settembre 2014, ore 9.45
Palazzo Franchetti

Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti

GIORNATA DI STUDI

Promossa da
Regione del Veneto
Museo del Paesaggio
Con la partecipazione della
Fondazione di Venezia
e il patrocinio dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

La curiosità con la quale Goffredo Parise seguì nel corso degli anni esperienze dell'arte diverse da quelle letteraria, alla quale soprattutto si dedicò, fu davvero costante, dagli anni quasi adolescenziali, quando fu fortemente tentato dalla pittura, alle molte e fondamentali amicizie che intrecciò un po' ovunque, spesso costruendo rapporti profondi e duraturi. Sulle tracce della mostra Artisti tra opera e comportamento. Omaggio a Goffredo Parise, che, a cura di Stefano Cecchetto, è in corso al Museo del Paesaggio di Torre di Mosto, questo convegno Parise e le arti non solo seguirà lo scrittore nei suoi anni romani -a partire dall'aprile 1960- nel sodalizio con i pittori di Piazza del Popolo e nel coinvolgente rapporto amoroso con Giosetta Fioroni, ma spazierà, sia pure per campioni, sul cinema e sulle altre esperienze anche esistenziali dello scrittore. Negli ultimi anni della sua vita Parise descrisse l'arte moderna come "uno spinoso albero dai mille rami", al quale, dunque, ci si avvicina guardinghi e malvolentieri, ma che suggerisce bene la "grande confusione" che la caratterizza senza che se ne possa indicare il responsabile, perché "il fatto è che l'arte è un puro concetto.Così di fronte alle opere dell'arte novecentesca non si può che registrare la propria reazione, la quale se "è un guizzo, un frisson non più intenso di una leggera scossa elettrica" certifica la qualità del risultato, anche se "tale frisson è talmente individuale da distribuirsi ad personam secondo un capriccio da imputare soltanto al caso".

Programma
ore 9.45
Saluti
Gian Antonio Danieli, Presidente dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Giorgio Baldo, Direttore del Museo del Paesaggio di Torre di Mosto 

Introduzione di Cesare De Michelis
Antonio Debenedetti, Un inizio, poche righe, una storia quasi un enigma
Nico Naldini, Nel segno di Maldoros
Alfonso Berardinelli, Universo e mondi di Parise
Enza del Tedesco, "Lavoro", "Libertà", "Poesia". Tre voci dei Sillabari dedicate 

ore 14.30
Stefano Cecchetto, Goffredo Parise e gli artisti di Piazza del Popolo. 
Luca Massimo Barbero, "I ragazzi francesi distruggevano una cultura che fu rivoluzionaria da secoli: i ragazzi americani ne creano una nuova che l'America non ha avuto mai". Parise e la rivoluzione delle Arti
Giulia Simi, Amici dei pittori: Goffredo Parise e Plinio De Martiis
Ilaria Crotti, Parise, critico d'arte: il ritratto d'autore come autoritratto
Gian Piero Brunetta, Cinema come magia collettiva e compagno dell'avventura creativa di Parise

 
 
 
 
Chiudi la versione stampabile della pagina e ritorna al sito