1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Bestiari medievali, tra mito e scienza

Venerdì 20 febbraio 2015 - Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - ore 17:00

Intervengono Francesco Mezzalira e Francesco Zambon; coordina Alessandro Minelli

Fra il XIII ed il XIV secolo si diffusero soprattutto tra Francia e Inghilterra - ma anche nel resto d'Europa, in particolare in Italia - libri ricchi di immagini, spesso fantastiche ma talvolta anche molto realistiche, di animali. Questi testi, i Bestiari,  raccoglievano brevi descrizioni di animali (reali e immaginari), accompagnate da interpretazioni allegoriche e da riferimenti tratti dalla Bibbia. L'archetipo di tutta questa letteratura Ŕ un opuscolo greco del II-III secolo, il "Physiologus" (propriamente "Il conoscitore dei segreti della natura"), che offriva l'interpretazione degli animali e delle loro caratteristiche in chiave simbolica e religiosa. Ma nel corso dei secoli il materiale zoologico originario Ŕ venuto via via arricchendosi con l'apporto di numerose altre fonti: i naturalisti antichi (come Aristotele e Plinio), i commentatori biblici (in particolare san Basilio e sant'Ambrogio, autori di opere esegetiche sui "Sei giorni della creazione"), le enciclopedie e talvolta la stessa osservazione diretta.
Un aspetto peculiare dei Bestiari Ŕ il fatto che in essi la descrizione delle caratteristiche e delle proprietÓ di ogni singola specie animale Ŕ inseparabile dalla sua valenza simbolica (di ordine quasi sempre religioso o morale, ma nei Bestiari pi¨ tardi anche amoroso); anzi, in molti casi l'elemento simbolico prevale sul dato oggettivo.

 
 
Beatus liebanensis, Commentarius in apocalypsinMiniatura tratta dal 'Luttrell Psalter' (Inghilterra, 1325-1340), British Library, LondraBarthÚlÚmy l'Anglais, Livre des propriÚtÚs des choses
 
 
 

Registrazione video dell'Incontro

 

Le icone in questa pagina sono, da sinistra a destra, tratte da:
http://expositions.bnf.fr/bestiaire/grand/drag_08.htm 
http://www.foliamagazine.it/di-lui-cosa-ne-faccio/ 
http://expositions.bnf.fr/bestiaire/grand/e_11.htm 

L'immagine in locandina Ŕ tratta da:
http://www.foliamagazine.it/maledetta-museruola/ 

 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter