1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

PREMIO GLASS IN VENICE 2022 - Decima edizione

Logo Glass in Venice, Istituto Veneto, Fondazione Musei civici
Glass in Venice 2021

Sabato 24 settembre 2022, ore 17.30
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti
Palazzo Franchetti

Cerimonia di conferimento dei premi
PREMIO GLASS IN VENICE
promosso dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia per valorizzare l'arte vetraria a livello internazionale, Ŕ giunto alla decima edizione il Premio Glass in Venice.
SeguirÓ la cerimonia di assegnazione e consegna del Premio Fondazione di Venezia per Il Vetro Artistico e della terza edizione dell'Autonoma Residency Prize destinato ad artisti e designer under 35.

Interverranno:
Rosa Barovier, Storica del Vetro e socia dell'Istituto Veneto;
Gabriella Belli, Direttore della Fondazione Musei Civici di Venezia;
Marcantonio Brandolini, Autonoma Residency Prize;
Paola Marini, Fondazione di Venezia;
Giovanna Palandri, Cancelliere dell'Istituto Veneto;

Diretta streaming sui canali Youtube dell'Istituto Veneto e di The Italian Glass Week.

Il premio verrÓ assegnato quest'anno all'artista  concettuale Marcela Cernadas,
al maestro vetraio Michele Burato e all'Azienda Carlo DonÓ di Roberto DonÓ

Motivazioni per l'assegnazione del premio
Marcela Cernadas, argentina, residente per scelta in Europa, esprime la propria poetica artistica attraverso diversi media: la fotografia, il video, l'installazione, la performance e il vetro che l'artista elabora con il supporto tecnico dei maestri vetrai nelle fornaci di Murano. Cogliendo le peculiaritÓ della materia con grande sensibilitÓ, da alcuni anni, fa del vetro il protagonista di alcune sue installazioni site-specific, emozionalmente coinvolgenti, inserendole all'interno di contesti storico-artistici, religiosi e naturali.

Michele Burato, veneziano, ha cominciato ad interessarsi al vetro e ad amarlo negli anni ottanta del novecento, come collezionista ed antiquario. Verso la fine di quel decennio ha cominciato a creare sue composizioni in vetrofusione, creando gioielli e, in seguito, lastre, utilizzando elementi di vetro muranese e poi di vetro americano, valorizzandone i colori accesi differenti da quelli lagunari. Da vent'anni circa realizza, in collaborazione con i migliori maestri di Murano, soffiati dalle forme essenziali le cui pareti sono ravvivate da "pennellate" vitree astratte di straordinario impatto.

L'Azienda Carlo DonÓ  di Murano gestita da Roberto DonÓ, del cui nonno conserva la denominazione, si Ŕ sempre distinta per l'alta qualitÓ degli strumenti metallici utilizzati nell'isola per la lavorazione del vetro. La tradizionale specializzazione dei DonÓ in questa particolarissima produzione risale al XIX secolo. Non vi Ŕ probabilmente strumento, adatto alla lavorazione artistica in fornace ed a lume, che sia assente nella gamma di prodotti realizzati da Roberto DonÓ, il quale Ŕ apprezzato dai vetrai di Murano e di tutto il mondo per l'accurata esecuzione artigianale di tutto ci˛ che Ŕ indispensabile alla manualitÓ dei maestri.

 
 

ESPOSIZIONE
Opere di Marcela Cernadas, Michele Burato e dell'Azienda Carlo DonÓ di Roberto DonÓ rimarranno esposte nell'atrio di Palazzo Loredan, sede dell'Istituto Veneto, dal 17 settembre al 25 settembre 2022.

Orari: Tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.
ingresso libero, con accessi regolati secondo la normativa vigente.

 
Marcela Cernadas
Marcela Cernadas

Marcela Cernadas

Marcela Cernadas nata il 31 dicembre 1967 nella cittÓ di Campana in Argentina, attualmente vive e lavora tra Spagna e Italia. Il suo lavoro che comprende fotografia, video, installazione, pittura, scultura, poesia e performance comporta la possibilitÓ di confrontarsi con l'ineffabile in ogni occasione e presenta l'arte e la vita come una esistenza indivisible in continuo movimento.
Le sue opere sono il frutto di un lavoro di cura e pazienza dove il gesto lento e misurato diventa pratica artistica, dove il tempo si dirada attraverso un'accezione metafisica.
Tra le istituzioni pi¨ importanti nelle quali ha esposto si ricordano il Centre Pompidou; il Museo Reina SofÝa; il Matadero di Madrid; la Fondazione Joan Mirˇ di Barcellona; il Frauenmuseum ( Museo delle Donne) di Bonn; il Galata Museo del Mare di Genova; il MACRO di Roma e la La Biennale di Venezia.

 
 
Michele Burato
Michele Burato

Michele Burato

Verso la fine degli anni ottanta, Michele Burato sedotto dalla bellezza di sezioni di vecchie canne a murrine ne da nuova vita fondendole a caldo con una tecnica antica in piastre policrome dalla insolita trama.
Dopo un periodo di sperimentazione quasi alchimistica, Burato inizia a creare piastre di vetro fondendo non pi¨ sezioni di canne a murrine ma fasce di fili, polveri finissime, e lacerti di vetro coloratissimo, cosý da ottenere composizioni astratte di eccezionale cromatismo e vitalitÓ. Alcune piastre rimangono tali, simili a dipinti su tela ma con una superficie lucente e cristallina dovuta all'azione delle altissime temperature del forno sul vetro.
Altre piastre escono dallo studio di Michele Burato per essere riscaldate nuovamente, raccolte con la canna da soffio e modellate in fornace in forme tridimensionali. In questa fase Ŕ il maestro vetraio a farsi interprete della volontÓ dell'artista in un lavoro in simbiosi. I lavori finali sono vasi e sculture con colori pastosi. Rievocano pennellate, colate di pigmenti che sembrano opere di action painting, nate da una gestualitÓ impulsiva, da un lavoro febbrile e immediato dell'artista che proietta se stesso nell'opera.
Michele Burato ha partecipato a mostre nazionali ed internazionali e collabora con note gallerie in Italia e all'estero.

 
 
Roberto DonÓ
Roberto DonÓ

Azienda Carlo DonÓ di Roberto DonÓ

Azienda Carlo DonÓ di Roberto DonÓ
Roberto DonÓ Ŕ un artigiano, titolare dell'azienda Carlo DonÓ sita a Murano dal 1923, ma con origini antecedenti. Carlo (nonno di Roberto) e suo fratello Angelo, figli di un fabbro dell'isola, erano infatti stati in societÓ insieme prima che Carlo fondasse la sua propria azienda. A Roberto piace soffermarsi su queste informazioni perchÚ Ŕ molto orgoglioso della tradizione famigliare, di ci˛ che hanno fatto il nonno e il padre, ma naturalmente anche del proprio lavoro. Il knowhow acquisito dai suoi famigliari nella lunga collaborazione con altre aziende muranesi e la sua stessa conoscenza del mondo del vetro internazionale gli hanno fatto guadagnare spazio e credibilitÓ nel mondo del vetro. La produzione attuale riguarda soprattutto gli utensili speciali e personalizzati per la lavorazione del vetro artistico. L'azienda di Roberto DonÓ si mette a disposizione dei maestri vetrai o degli artisti del vetro di ogni angolo del globo per costruire e realizzare gli attrezzi necessari per la creazione delle loro opere. Borselle, taglianti, pinze di vario genere, canne o puntelli hanno nomi difficili da comprendere per chi non Ŕ addetto ai lavori ma sono pura gioia per gli amanti del vetro, tanto da denominare la sua bottega "The Candies shop". Ultimo della sua discendenza, dopo 43 anni di esperienza personale conduce soddisfatto l'azienda di famiglia al centenario della propria storia, confidando che qualcuno dei suoi bravi assistenti abbia voglia di continuare a dar lustro al nome della Carlo DonÓ.

 
 

 

Il premio intende essere un riconoscimento di prestigio ad artisti o a maestri del vetro che si siano particolarmente distinti con la loro opera lavorando nel grande solco della tradizione Muranese, oppure, nel mondo, attraverso scuole e tecniche diverse.Con questa iniziativa si intende segnalare come Venezia, grazie a Murano, sia non solo il famoso e nobile centro di una raffinata arte e di una prodigiosa tecnica vetraria, che si perpetua con l'opera di valenti maestri e di artisti, ma sia anche la cittÓ alla quale moltissimi grandi maestri di rilievo internazionale guardano con ammirazione e rispetto, anche se le loro opere sono state eseguite con tecniche diverse da quella muranese. Le vicende personali di numerosi artisti di fama internazionale e importanti recenti mostre d'arte contemporanea tenutesi nelle maggiori capitali hanno dimostrato come il mondo dell'arte del vetro, cosý variegato e diverso nelle molteplici forme e tecniche, consideri Venezia e Murano un riferimento irrinunciabile, vedendo in esse una realtÓ di grande prestigio con la quale confrontarsi e misurarsi, fino alla sperimentazione delle tecniche pi¨ specifiche e proprie della tradizione muranese. Il premio, a cadenza annuale, Ŕ frutto della collaborazione fra l'Istituto Veneto e la Fondazione Musei Civici di Venezia.

Giunto alla sua decima edizione, rientra nel Progetto Glass in Venice, promosso dall'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti e dalla Fondazione Musei Civici di Venezia.
I precedenti vincitori sono: Pino Signoretto e Bertil Vallien (2012); Andrea Zilio e Toots  Zynsky (2013); Giuliano Ballarin, Joan Crouse e premio alla carriera a Lino Tagliapietra (2014); Davide Fuin, Maria Grazia Rosin e  premio alla carriera a Livio Seguso (2015); Bruno Amadi e Silvia Levenson (2016); Giacomo Barbini, Cristiano Bianchin, Monica Guggisberg & Philip Baldwin (2017); Silvano Rubino e Cesare Toffolo.(2018), Massimo Micheluzzi e Simone Cenedese (2019), Mauro Bonaventura e premio alla carriera a Federica Marangoni (2021)

 

 
 

Nell'ambito della
THE ITALIAN GLASS WEEK

 

Edizioni precedenti del Premio Glass in Venice

2021 Nona edizione del Premio Glass in Venice
Premio alla carriera a Fedrica Marangoni e a Mauro Bonaventura

2019 Ottava edizione del Premio Glass in Venice

a Massimo Micheluzzi e Simone Cenedese

2018 Settima edizione del Premio Glass in Venice e Quinta edizione del Riedel Award
a Silvano Rubino, Cesare Toffolo. Riedel Award a George Berry

2017 Sesta edizione del Premio Glass in Venice e Quarta edizione del Riedel Award

a Giacomo Barbini, Cristiano Bianchin. Monica Guggisberg & Philip Baldwin Riedel Award a Kyle Sola

2016 Quinta edizione del Premio Glass in Venice e Terza edizione del Riedel Award

a Bruno Amadi e Silvia Levenson. Riedel Award a Jakub Pollag

2015 Quarta edizione del Premio Glass in Venice e Seconda edizione del Riedel Award

a Davide Fuin e Maria Grazia Rosin. Riedel Award a Shay Salehi

2014 Terza edizione del Premio Glass in Venice e Prima edizione del Riedel Award
a Giuliano Ballarin e Joan Crous, Premio alla carriera a Lino Tagliapietra. Riedel Award a Kristine Five Melvaer

2013 Seconda edizione del Premio Glass in Venice
a Andrea Zilio e Toots Zynsky

2012 Prima edizione del Premio Glass in Venice
a Pino Signoretto e Bertil Vallien

 
 
 
 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter