1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Alberto Diaspro Professore ordinario di Fisica applicata nell'Universitā di Padova

Alberto Diaspro
Professore ordinario di Fisica applicata nell'Universitā di Genova

- s.c.r. eletto il 23 marzo 2024

Alberto Diaspro č Professore Ordinario di Fisica Applicata presso il Dipartimento di Fisica dell'Universitā di Genova (UNIGE), Direttore di Ricerca in Nanoscopia presso l'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), associato all'Istituto di Biofisica (IBF) del CNR, Accademico Ordinario dell'Accademia Ligure delle Scienze e delle Lettere. Direttore del Nikon Imaging Center presso IIT, uno dei 9 centri al mondo. Č stato Vicedirettore di IIT e Direttore del Dipartimento di Nanofisica dell'IIT (2009-2019), Presidente di OWLS (Optics Within Life Sciences), EBSA (European Biophysical Societies' Association) e vicepresidente di ICO (International Commission of Optics).
L'esperienza di ricerca specifica AD č legata alla progettazione, realizzazione e utilizzo di strumentazione
ottica e biofisica applicata all'oncologia molecolare (cromatina, endocitosi e meccanismi di adesione), neuroscienze (mappatura del cervello e segnalazione della rete neuronale) e materiali intelligenti (rilascio
di farmaci intelligenti e materiali nanocompositi). AD ha progettato e realizzato il 1° spettrometro CIDS italiano (1987), il 1° microscopio multifotone italiano (1999) e un "nanobiorobot" artificiale ibrido (2000-
2005). Ha realizzato la 1a architettura italiana di nanoscopia presso IIT (2008). AD ha introdotto metodi chiave nella microscopia ottica e correlativa, tra cui: Circular Intensity Differential scattering (CIDS), metodo label-free per studiare progressioni patologiche in cellule viventi; localizzazione di singole molecole alla nanoscala accoppiata con illuminazione selettiva del piano microscopia (IML-SPIM) per
studiare aggregati tumorali; microscopia correlativa alla nanoscala tramite interazioni di forza e super
risoluzione ottica (AFM-STED) . AD č fondatore della start-up "Genoa Instruments". AD ha pubblicato
oltre 450 articoli scientifici, 20000 citazioni, Hirsch index=66. AD č editor in chief della rivista internazionale Wiley "Microscopy Research and Technique", fellow SPIE e EOS, e senior di IEEE e OSAOPTICA, e fondatore della "Nanoscale Biophysics" della Biophysical Society (2010). AD ha sempre
coniugato il concreto contributo innovativo e fondamentale alla ricerca scientifica con quello della comunicazione e divulgazione scientifica: ha ricevuto il riconoscimento internazionale Emily M.Gray
Award per l'attivitā di mentore in Biofisica nel 2014, il Premio per la Comunicazione Scientifica dalla
Societā Italiana di Fisica nel 2019, e dal 2016 al 2024 č stato Presidente del Consiglio Scientifico del
"Festival della Scienza", ha svolto attivitā divulgative al Festival della Comunicazione di Camogli fondato
da Umberto Eco e Danco Singer, e alla Festa di Scienza e Filosofia di Foligno. AD ha progettato e organizzato le mostre "Beyond Science" e "Pop Microscopy", e pubblicato il libro divulgativo: "Quello che
gli occhi non vedono" con Hoepli (2020), e Springer (2022), "Expedition into the Nanoworld". Ha scritto
oltre 400 commentari di scienza sl quotidiano La Repubblica (ed. Genova), collabora con il Corriere della
Sera, Il Secolo XIX, La Stampa, e ha partecipato a programmi RAI. AD ha diretto diverse Scuole, tra cui
quelle dell'Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti (Venezia), Fondazione per la Cultura di Palazzo Ducale (Genova), Fondazione Ettore Majorana (Erice), Scuola Internazionale di Fisica Enrico Fermi (Varenna). AD č stato nominato (2021) Presidente della Societā Italiana di Biofisica Pura e Applicata
(SIBPA) e ha ricevuto il Gregorio Weber Award nel 2022 per l'eccellenza negli studi, nella teoria e nell'applicazione della fluorescenza. Nel 2023 č stato nominato co-direttore della Scuola Internazionale di
Biofisica "Antonio Borsellino" della Fondazione Ettore Majorana (Erice).



 

 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter