1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Percorsi nella lingua di Leonardo

Mercoledì 2 ottobre 2019, ore 16:00

Paola Manni propone una riflessione sull'uso linguistico di Leonardo

 
Disegno di motore a molla - Codice di Madrid I, f. 4r
Disegno di motore a molla Codice di Madrid I, f. 4r

Se la produzione artistica di Leonardo Ŕ universalmente nota e celebrata, meno conosciuto Ŕ senza dubbio il suo lascito testuale, costituito da una congerie di manoscritti e fogli sparsi conservati in sedi diverse, fra l'Europa e gli Stati Uniti. Ad essi Ŕ affidata la magmatica ereditÓ del pensiero vinciano che, in ambito tecnico-scientifico, affronta i pi¨ svariati campi del sapere, con esiti spesso geniali e all'insegna di una visione profondamente integrata della natura e dei suoi fenomeni (dalla meccanica alla biologia, all'anatomia, all'ottica, alla geologia, ecc.). La lingua di quei testi, nella sua imprescindibile simbiosi col disegno, si rivela uno strumento straordinariamente utile per ricostruire un  itinerario biografico e intellettuale di prodigiosa ampiezza, scandito dal decisivo  spartiacque del trasferimento dalla Firenze delle botteghe artigiane alla Milano della corte sforzesca. I percorsi che proponiamo affrontano dunque l'uso linguistico di Leonardo, nel suo evolversi dalla giovent¨ alla maturitÓ, con spunti di riflessione che riguardano di volta in volta le particolaritÓ grafiche, l'assetto fonomorfologico, l'organizzazione sintattico-testuale e il lessico, canale privilegiato, quest'ultimo, che consente di addentrarsi nel modo pi¨ profondo nell'universo del suo sapere.

 
 
Ritratto di Paola Manni
Paola Manni

Paola Manni Ŕ ordinaria di Storia della lingua italiana all'UniversitÓ di Firenze. Fra le sue pubblicazioni, dedicate in gran parte al fiorentino di epoca tardo-medievale  e alla formazione della lingua tecnico-scientifica, figurano i volumi La lingua di Dante e La lingua di Boccaccio (Bologna, il Mulino), e il Glossario leonardiano. Nomenclatura delle macchine nei codici di Madrid e Atlantico (Firenze, Olschki) curato insieme con Marco Biffi. Nell'ambito dell'Accademia della Crusca, di cui Ŕ membro dal 2011, coordina il progetto del Vocabolario Dantesco (www.vocabolariodantesco.it). Fa parte della Commissione per l'Edizione Nazionale dei Manoscritti e dei Disegni di Leonardo da Vinci.

 
 
Approfondimenti

da Treccani: Leonardo da Vinci

 
 



  1. Feed RSS
  2. Canale Youtube
  3. Facebook
  4. Twitter